martedì,23 Luglio 2024

HomeLifestyleBenessereBIODENT IL FUTURO DELL’ODONTOIATRIA È GIÀ QUI

BIODENT IL FUTURO DELL’ODONTOIATRIA È GIÀ QUI

UNO DEI PRIMI STUDI ODONTOIATRICI IRPINI AD ABBRACCIARE QUESTO CAMBIAMENTO È STATO BIODENT. SITUATO A STURNO, È DIVENTATO UN’ECCELLENZA NEL CAMPO DENTISTICO, SOPRATTUTTO GRAZIE ALLA PROFESSIONALITÀ E ALLA DEDIZIONE DELLA DIRETTRICE, LA DOTT.SSA AZZURRA DI CECILIA, ODONTOIATRA E SPECIALISTA IN ORTOGNATODONZIA.

La tecnologia ha completamente rivoluzionato i nostri stili di vita. Il mondo in cui viviamo si muove rapidamente e, ogni giorno, si aprono nuovi scenari che rendono realizzabile ciò che, fino a poco tempo fa, sembrava impossibile. In ambito sanitario, le nuove tecnologie abbracciano ormai tutti i campi e offrono un supporto considerevole ai professionisti del settore. In quest’ottica, non è da meno l’odontoiatria che, grazie a un sapiente connubio fra progresso scientifico e tecnologico, negli ultimi anni si è completamente rivoluzionata.

Lo studio è, in particolare, un punto di riferimento per l’ortodonzia infantile. L’utilizzo, infatti, di attrezzature e tecniche radiologiche all’avanguardia, offre ai piccoli pazienti soluzioni non invasive e praticamente indolori. Per loro c’è una stanza dedicata, colorata e ricca di immagini dove la poltrona è a forma di drago, al posto dei classici trapani si utilizza l’indolore e meno invasivo laser, e gli attrezzi da lavoro sono nascosti in un enorme coccodrillo che non ne permette la vista e, quindi, non genera ansie. Un monitor sospeso, completamente touch-screen, consente ai bambini di scegliere da YouTube il loro cartone preferito, da guardare durante la seduta. Lo scopo è evitare di infondere la paura del dottore ma, al contrario, trasformarlo in un gioco attraverso un metodo definito pedodontico.

Biodent rappresenta un’eccellenza anche per i pazienti più grandi. È, infatti, un centro all’avanguardia per la cura e la prevenzione delle patologie e malformazioni del cavo orale. “Grazie a macchinari e software di ultima generazione, Biodent è in grado di offrire ai propri pazienti prestazioni altamente performanti, meno invasive e soprattutto più confortevoli”, ci spiega il Dr. Maurizio Nocera.

Estremamente all’avanguardia nel campo della radiologia digitale odontoiatrica, è la TAC CONE-BEAM per acquisire i dati radiologici 3D dell’osso. Da un unico rilievo, si possono ricavare tutte le immagini necessarie per studiare l’anatomia delle ossa mascellari del paziente, visualizzare le strutture nervose, le vie aeree ed i seni paranasali. L’esame si effettua in piedi così da evitare nel paziente la sensazione claustrofobica per gli spazi piccoli, come accade con la tac convenzionale. Uno strumento preziosissimo è lo Scanner Intraorale 3Shape, utilizzato per la raccolta dell’impronta digitale del cavo orale. Rispetto alle procedure tradizionali, consente una migliore precisione e permette di verificare immediatamente la qualità dell’impronta. 

Questo tipo di scanner, inoltre, migliora notevolmente il comfort del paziente poiché la procedura digitalizzata elimina i classici e appiccicosi materiali per la presa di impronta che possono causare una sensazione di fastidio. Anche per l’implantologia ci sono importanti novità. L’utilizzo del Motore TMM3, in prima battuta, consente di rilevare tutti i dati necessari relativi alla lettura dell’osso e alla stabilità implantare, prima dell’operazione. Il software consente, in questo modo, di approntare protocolli sempre più predicibili, basati sull’evidenza clinica, e sempre più relazionati alle condizioni anamnestiche dei pazienti.

Ma la vera rivoluzione è l’implantologia guidata. Sì, perché da Biodent chi necessita di una protesi dentaria fissa, sostenuta da impianti, può avvalersi di metodi innovativi che evitano interventi lunghi e dolorosi. Al contrario, consentono di abbattere il dolore e abbreviare i tempi di riabilitazione dentale.

Dopo una sola visita, grazie ad un software di progettazione implantare, si è in grado di progettare virtualmente il numero, il tipo e la sede corretta degli impianti dentali, considerando l’anatomia del paziente e preservando le strutture nervose, vascolari e scheletriche. Inoltre, permette di utilizzare al meglio le disponibilità ossee evitando, in alcuni casi, interventi di chirurgia orale più impegnativi, come il rialzo del seno mascellare o innesti ossei di vario genere. Con l’impiego di una guida creata appositamente per il trattamento del caso clinico, è possibile, se vi sono le condizioni, applicare la protesi definitiva il giorno stesso dell’intervento.La progressiva digitalizzazione dell’attività odontoiatrica chirurgica e protesica è un passaggio inevitabile per far parte della moderna odontoiatria, per rendere realizzabile ciò che, fino a poco tempo fa, sembrava impossibile. Oggi, da Biodent, tutto questo è realtà.

ALTRI ARTICOLI

I più Popolari