Trevico: tra cinema e paesologia