Il lavoro nobilita l’uomo, anche in carcere