Giambattista Assanti, il regista della memoria