Ciambriello: “Vivo bene la detenzione domiciliare”